Il laboratorio Corporando è pensato per fornire ai bambini che vi partecipano un contesto in cui esprimersi spontaneamente e in autonomia in uno spazio accessibile e facendo uso dello strumento artistico e in particolare del disegno quale strumento comunicativo ed espressivo per eccellenza, in grado di superare le limitazioni talora poste dal linguaggio verbale e valorizzando al contempo la dimensione comunicativa non verbale, spesso ingiustamente trascurata nella vita quotidiana e nell’ambiente scolastico.
I bambini, attraverso la sperimentazione di un percorso di stimolazione sensoriale, avranno modo di cogliere in maniera diretta e concreta le proprie capacità e l’impatto che queste ultime hanno sulla realtà circostante, rendendola al contempo più fruibile e padroneggiabile e passando gradualmente dall’approccio all’ambiente fisico a quello con i pari e gli adulti lì presenti.
L’obiettivo principale del laboratorio è dunque stimolare l’esplorazione spontanea dell’ambiente e individuare il canale comunicativo più funzionale per ciascun bambino, in maniera tale che possa apprendere come la comunicazione passa e viene ricevuta non soltanto con le parole ma anche con il tatto, la manipolazione, l’utilizzo dei colori, l’impiego di tutto il proprio corpo come veicolo delle emozioni e degli affetti, che ciascuno custodisce dentro di sé. A tal fine vengono proposte attività rilassanti volte a stimolare in maniera consapevole e controllata i vari sensi, dalla vista, al tatto, all’udito, al gusto sino ad arrivare alla sensorialità propriocettiva e vestibolare.
Ci preme sottolineare come non esista un “target” di bambini, per i quali è stato pensato il laboratorio, ognuno è il benvenuto, anzi le peculiarità di ciascuno di noi costituiscono il punto di forza e la ricchezza, che rendono ogni esperienza unica e irripetibile; le attività da noi proposte infatti si avvalgono di materiali comunemente usati nel gioco quali colori, pennelli (adattati anche per bambini disprassici e con deficit nella manualità fine), cerchi, tessuti, forme geometriche, musica ma anche di strumenti più specificamente pensati per bambini con disabilità fisica e sensoriale come memory sonoro e tattile, coperte sensoriali, pannelli e dischi tattili, dadi delle emozioni e si configurano come momenti ludici e di gioco, in grado di coinvolgere i piccoli stimolandone la dimensione cognitiva, affettiva e relazionale e la consapevolezza di sé e facilitando la socializzazione con il gruppo dei pari. Inoltre muovendosi in un contesto di gioco e di azione pensato ad hoc affinché il bambino possa trarre piacere e gratificazione dall’interazione con ciò che lo circonda, il piccolo avrà modo di sperimentare un senso di autoefficacia e di padronanza tali da cementare la propria autostima e un’immagine positiva di sé.

Pin It